IMDPPB-logo-def
Scrivici
Cerca
Close this search box.

Emmanuel Chidi Namdi

Scampato a Boko Haram, sopravvive alla fuga dalla Nigeria e alla traversata in mare, ma trova la morte per mano del razzismo in Italia

Emmanuel Chidi Namdi, 36 anni, è sopravvissuto agli orrori di Boko Haram in Nigeria, alla fuga attraverso il deserto e alle violenze in Libia, per poi trovare la morte in Italia per mano di un’aggressione razzista.

Emmanuel Chidi Namdi ha vissuto una delle storie più tragiche e dolorose del nostro tempo. Fuggito dalla Nigeria dopo aver perso tutta la sua famiglia a causa delle atrocità di Boko Haram, Emmanuel ha affrontato un viaggio disperato al fianco della sua amata Chinyery. La loro odissea è passata attraverso il deserto, dove hanno subito violenze atroci, fino alla pericolosa traversata in mare che li ha portati in Italia. Durante questo viaggio, Chinyery ha perso il bambino che portava in grembo.

Una volta arrivati in Italia, Emmanuel e Chinyery hanno trovato asilo e protezione presso la Fondazione Caritas in Veritate, guidata da don Vinicio Albanesi, a Fermo. La loro storia, sebbene simile a quella di molti altri rifugiati, aveva lasciato spazio alla speranza di un nuovo inizio. La comunità locale e la Fondazione Caritas hanno rappresentato per loro un faro di speranza, un’opportunità per ricostruire le loro vite.

Purtroppo, questa speranza è stata brutalmente infranta. Qualche giorno fa, mentre Emmanuel e Chinyery passeggiavano in centro, sono stati avvicinati da due giovani italiani, noti per appartenere al tifo organizzato locale. Questi individui hanno iniziato a rivolgere insulti razzisti verso Chinyery, chiamandola “scimmia”, e la situazione è rapidamente degenerata in violenza fisica. Emmanuel è intervenuto per difendere la sua compagna, dando vita a una colluttazione. Uno degli aggressori ha avuto presto la meglio, lasciando Emmanuel a terra. Emmanuel è morto poche ore dopo a causa delle ferite riportate.

Emmanuel era arrivato in Italia per sfuggire alla barbarie del suo Paese natale, nella speranza di trovare umanità e cultura. Tragicamente, ha incontrato la morte per mano di un’odiosa violenza razzista. La sua storia è un duro promemoria delle sfide e dei pericoli che affrontano i rifugiati anche nei paesi che dovrebbero offrire loro protezione.

Ora, l’unica cosa che possiamo fare è aiutare Chinyery, che in poco tempo ha perso tutto. La sua perdita è un monito per tutti noi a riflettere sulla nostra umanità e a combattere contro il razzismo e l’intolleranza. Dobbiamo provare, in silenzio, un po’ di sana vergogna per ciò che è accaduto e impegnarci a creare una società più inclusiva e rispettosa.

La tragica fine di Emmanuel Chidi Namdi rappresenta una dolorosa realtà che non possiamo ignorare. La sua vita, segnata dalla fuga e dalla lotta per la sopravvivenza, è stata spezzata dall’odio razzista in un paese che doveva offrirgli speranza. È nostro dovere ricordare Emmanuel e lavorare per un futuro in cui storie come la sua non si ripetano.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie