IMDPPB-logo-def
Scrivici
Cerca
Close this search box.

Giorgio Ambrosoli

La tragica fine dell'avvocato che sfidò il mondo oscuro della finanza italiana

Nel 1974, l’avvocato Giorgio Ambrosoli fu nominato commissario liquidatore della Banca Privata Italiana, condotta sull’orlo del crack finanziario dal banchiere siciliano Michele Sindona.

È il 1974 quando Giorgio Ambrosoli assume l’incarico di commissario liquidatore della Banca Privata Italiana, una banca messa in crisi dal controverso banchiere Michele Sindona. Ambrosoli inizia a indagare su un mondo opaco, fatto di legami con la mafia, la loggia massonica P2 e bancarotte pilotate. Le sue indagini lo mettono nel mirino di chi vuole mantenere il silenzio su queste attività illecite.

Durante il suo lavoro, Ambrosoli riceve tentativi di corruzione, intimidazioni e minacce di morte, ma continua con determinazione nella sua missione. Nonostante la pericolosità della sua posizione, per una serie di fragili motivazioni, non gli viene assegnata una scorta. Questo lo lascia vulnerabile agli attacchi di chi vuole fermarlo.

La sera dell’11 luglio 1979, Ambrosoli invita alcuni amici a casa sua per vedere un incontro di pugilato in televisione. Dopo la fine del match, accompagna gli amici alla porta. Mentre sta per rientrare, sente una voce chiamarlo: “Avvocato Ambrosoli?”. Una gelida consapevolezza pervade la sua schiena e, con rassegnazione, risponde: “Sì”. Davanti a lui si presenta William J. Arico, che, dopo un breve scambio di parole, esplode quattro colpi di 357 Magnum, uccidendolo.

Il giorno dopo, il 12 luglio 1979, Ambrosoli avrebbe dovuto firmare una dichiarazione formale per confermare la sua analisi sul crack della Banca Privata Italiana. La sua morte è un colpo devastante per la giustizia italiana, ma il suo coraggio e la sua integrità rimangono un faro di speranza. Ambrosoli viene ricordato come un simbolo della lotta contro la corruzione e l’illegalità, un uomo che ha sacrificato la propria vita per il bene della verità e della giustizia.

Giorgio Ambrosoli ha dimostrato un’integrità incrollabile e un coraggio straordinario, rifiutando di piegarsi alla corruzione e alle minacce. La sua storia è un potente richiamo all’importanza della lotta contro la criminalità e la corruzione, e un esempio di come una sola persona possa fare la differenza.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie