IMDPPB-logo-def
Scrivici
Cerca
Close this search box.

Giuseppe Velotti

Giuseppe Velotti, un poliziotto con venticinque anni di servizio nella squadra mobile, ha sventato una rapina a mani nude, dimostrando straordinario coraggio e senso del dovere

Giuseppe Velotti, 48 anni, ha trascorso la sua vita a dare la caccia ai criminali. Con un quarto di secolo nella squadra mobile, ha lavorato nella sezione Catturandi, nell’Antiscippo, nella Narcotici e, dal 1997, nella sezione omicidi. Una carriera impeccabile, segnata da una condotta irreprensibile e una vita dedicata alla sicurezza altrui.

Tempo fa, Giuseppe si trovava in un ufficio postale a Casalnuovo, Napoli, quando due uomini incappucciati irruppero nel locale. Con cappellini e scaldacollo, il loro atteggiamento sospetto rivelò immediatamente a Giuseppe che si trattava di un tentativo di rapina. Uno dei rapinatori estrasse una pistola e la puntò contro i presenti, mentre l’altro saltò dietro la cassa.

Giuseppe era fuori servizio, ma aveva con sé la pistola d’ordinanza. I due malviventi ripetevano “Se non fate niente, non vi succede niente”. Giuseppe avrebbe potuto assecondarli, evitare rischi e tornare a casa sano e salvo. Tuttavia, estrarre la pistola in un ufficio affollato avrebbe messo in pericolo la vita di molte persone. La soluzione era chiara: affrontarli a mani nude.

Senza paura né esitazione, Giuseppe si fece largo tra le persone terrorizzate e affrontò il rapinatore armato. Quest’ultimo gli puntò la pistola contro, ma Giuseppe non indietreggiò e si scagliò contro di lui. Ne nacque una colluttazione, e nonostante i tentativi del malvivente di divincolarsi, Giuseppe riuscì a disarmarlo e ammanettarlo. Il secondo rapinatore riuscì a fuggire.

Il video dell’eroico gesto di Giuseppe è stato ripreso dai media e ha fatto il giro del web. Giornalisti, curiosi e persino una telefonata del premier Renzi hanno portato attenzione alla vicenda. A tutti, Giuseppe ha risposto con semplicità: “Non ringraziatemi, non sono un eroe. Ho fatto solo il mio dovere”.

Questa volta, però, non siamo d’accordo con Giuseppe. Non ha solo sventato una rapina, sacrificando la sua incolumità per la sicurezza altrui, ma ha dato una lezione di giustizia, coraggio e pura generosità. Per noi, Giuseppe è e resterà un eroe, un orgoglio dell’Italia onesta.

Grazie, Giuseppe, per il tuo straordinario coraggio e il tuo ineguagliabile senso del dovere.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie