IMDPPB-logo-def
Scrivici
Cerca
Close this search box.

La storia di un bambino “scarso” a pallone e di una madre che lo fa smettere.

L'estate è arrivata, e con essa il calciomercato, che per molti rappresenta un periodo di riflessione sul valore dello sport. In questo contesto, emerge la storia di un bambino considerato "scarso" a pallone e di una madre che decide di farlo smettere

Con l’avvicinarsi dell’estate, per molti il pensiero va al mare, al sole e al relax. Tuttavia, per gli appassionati di calcio, questo periodo rappresenta il calciomercato, un momento per sognare e riflettere. Il calcio, spesso, sembra allontanarsi dai suoi valori fondamentali, intrappolato in intrighi, affari e l’ossessione per la vittoria a ogni costo. Questi elementi rendono il gioco sempre più distante dal divertimento e dall’educazione che dovrebbero caratterizzarlo.

In questo contesto, emerge una storia significativa. È la storia di un bambino “scarso” a pallone e di una madre che decide di farlo smettere. Un allenatore di una piccola squadra umbra, la Real Virtus, cerca di convincerla a cambiare idea. Il bambino, poco dotato calcisticamente, trova poco spazio in campo e la madre pensa che non valga più la pena continuare. Andrea Checcarelli, il giovane mister, vive questa situazione come un fallimento personale e professionale.

Un giorno, Andrea decide di scrivere una lettera alla madre del bambino, esprimendo la sua frustrazione e il suo dispiacere. Quella che doveva essere una semplice comunicazione si trasforma in una lezione di sport e di vita. Nella lettera, Andrea racconta la sua esperienza personale, ricordando come anche lui, da giovane, fosse considerato poco promettente. Tuttavia, grazie alla passione e al duro lavoro, è riuscito a dimostrare il suo valore.

Andrea sottolinea che il bambino, pur non essendo il migliore tecnicamente o fisicamente, eccelle per attenzione, applicazione e rispetto. Queste qualità umane, spesso sottovalutate, sono fondamentali in un contesto di gruppo. Andrea ricorda come, da ragazzo, abbia trovato spazio e successo in un ambiente diverso, e incoraggia la madre a permettere al figlio di continuare a giocare, se è ciò che desidera.

Il calcio dovrebbe essere accessibile a tutti, non solo ai più talentuosi. Andrea enfatizza l’importanza di offrire un’opportunità a chiunque voglia giocare, indipendentemente dalle sue capacità tecniche. La Real Virtus, dice, è una società che offre un servizio sociale, non solo competitivo. Permettere al bambino di continuare a giocare significa riconoscere il valore delle sue qualità umane e dare un esempio positivo agli altri genitori.

La storia di Andrea e del bambino “scarso” a pallone ci ricorda che lo sport non è solo competizione, ma anche formazione e crescita personale. Anche se oggi quel bambino non gioca più, la sua esperienza e la lettera di Andrea rimangono una testimonianza del vero spirito sportivo. Questo è un esempio di come il calcio, e lo sport in generale, possano rappresentare un importante strumento educativo e formativo.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie