IMDPPB-logo-def
Scrivici
Cerca
Close this search box.

Grazie ragazze!

Nonostante la bandiera rossa e il divieto di balneazione, tre ragazzi si sono tuffati in acqua a Imperia, rischiando la vita. Le atlete Elisa Queirolo, Rosaria Aiello e Aleksandra Cotti, argento alle Olimpiadi di Rio 2016, sono intervenute coraggiosamente per salvarli

Doveva essere un tranquillo pomeriggio di relax per Elisa Queirolo, Rosaria Aiello e Aleksandra Cotti, le celebri campionesse di pallanuoto italiane. Dopo la vittoria contro la Grecia, le tre atlete stavano trascorrendo una domenica in spiaggia a Imperia. Tuttavia, la situazione ha preso una piega drammatica quando alcuni ragazzi hanno ignorato la bandiera rossa, segnale di divieto di balneazione, e si sono avventurati in acqua.

La situazione è rapidamente degenerata. I tre ragazzi si sono trovati in difficoltà, completamente in balia delle onde. I bagnini presenti erano già impegnati in altre operazioni di salvataggio e non potevano intervenire immediatamente. In quel momento cruciale, Elisa, Rosaria e Aleksandra hanno dimostrato il loro coraggio e la loro prontezza.

Le tre atlete non hanno esitato un istante. Con grande abilità e determinazione, si sono gettate in acqua e hanno raggiunto i giovani in difficoltà. Il loro intervento tempestivo e coordinato ha permesso di riportare tutti in sicurezza a riva, tra gli applausi della folla richiamata dalle urla.

Questo gesto eroico ha suscitato un’emozione paragonabile a quella delle loro tante partite vinte. La consapevolezza che, questa volta, il premio in palio erano delle vite umane, ha reso il loro successo ancora più significativo. Elisa, Rosaria e Aleksandra hanno dimostrato una grandezza che va oltre il campo da gioco, rivelando il loro spirito altruista e il loro valore umano.

Il loro intervento è stato un esempio di prontezza e di coraggio, mostrando come le qualità di un vero atleta possano emergere anche nelle situazioni di emergenza. Le tre pallanuotiste hanno ricordato a tutti noi che, anche fuori dall’acqua clorata delle piscine olimpiche, il loro impegno e la loro dedizione possono fare la differenza.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie