IMDPPB-logo-def
Scrivici
Cerca
Close this search box.

Strage di via D’Amelio

Un quarto di secolo dalla tragica morte del giudice Paolo Borsellino

Esattamente venticinque anni fa, in una calda giornata estiva, la tranquillità di via D’Amelio a Palermo fu spezzata da un’autobomba che segnò una delle pagine più nere della storia italiana. Nell’attentato persero la vita il giudice Paolo Borsellino e i cinque uomini della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

La strage di via D’Amelio, avvenuta il 19 luglio 1992, rappresenta ancora oggi un punto oscuro nella storia repubblicana. Nonostante anni di processi, indagini e tentativi di depistaggio, la verità completa su questo tragico evento rimane sfuggente. Condanne e ripensamenti si sono susseguiti, ma il quadro definitivo è ancora lontano dall’essere chiaro.

Tuttavia, una certezza rimane ferma: la memoria di quella strage è viva e intatta. Questo ricordo indelebile continua a infondere forza e coraggio nei cittadini che scelgono di vivere con onestà e integrità. La strage di via D’Amelio non è solo un evento da ricordare, ma un monito e una fonte di ispirazione per chi lotta ogni giorno contro la corruzione e il compromesso.

Il sacrificio di Paolo Borsellino e dei suoi uomini rappresenta un faro di speranza e un esempio di dedizione alla giustizia. La loro memoria incoraggia le persone a non arrendersi e a continuare a lottare per un paese libero dalla mafia e dalla corruzione.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie