IMDPPB-logo-def
Scrivici
Cerca
Close this search box.

Jolanda Renga

Jolanda Renga: una giovane voce che si erge contro la spettacolarizzazione del dolore

“Oggi la mia mamma ha ricevuto un Tapiro in seguito alla pubblicazione di vari articoli sulla fine della sua relazione, ma il motivo non mi è chiaro. So bene che, in quanto personaggio pubblico, secondo alcuni è giusto che la sua vita, anche quella privata, venga sbandierata ai quattro venti, ma è davvero necessario infierire? Perché venire da lei a Milano? Perché non andare a Torino? Perché si è fidata della persona con cui stava e con cui ha condiviso quattro anni della sua vita? Ed anche se questa persona, alla fine, si è rivelata diversa, la colpa è di chi si fida o di chi tradisce la fiducia e tradisce in ogni senso possibile? Cosa c’è di riprovevole o ‘perdente’ nel fidarsi e nell’amare? Quando si gioca si sta al gioco, sono d’accordo, ma questo non mi sembra il caso. E ditemi quello che volete, che sono pesante, che non so scherzare, che faccio questioni su problemi inesistenti, che i problemi veri sono altri, ma a me non fa ridere. La sofferenza delle altre persone non mi diverte. E sì, mi sento di dirlo perché c’è di mezzo la mia mamma, ma lo penso a prescindere.”

Con queste parole, Jolanda Renga, figlia di Ambra Angiolini e Francesco Renga, ha difeso la madre dall’ennesima incursione mediatica nella sua vita privata. Il Tapiro d’Oro, consegnato a sua madre a seguito della fine della sua relazione, rappresenta un esempio lampante di come la sofferenza personale venga spesso trattata con superficialità e derisione nei media. La critica di Jolanda mette in luce una questione molto più ampia e delicata: la spettacolarizzazione del dolore altrui.

In un periodo storico dove la visibilità pubblica è sinonimo di intrusione nella privacy, le parole di Jolanda risuonano come un richiamo alla dignità e al rispetto. In un contesto in cui la vita privata dei personaggi pubblici è spesso esposta e giudicata senza pietà, Jolanda ha avuto il coraggio di denunciare l’ingiustizia di questa dinamica, mettendo in discussione la legittimità di un trattamento che, oltre a essere invasivo, è profondamente umiliante.

La sua riflessione sottolinea il paradosso di un sistema mediatico che sembra premiare chi tradisce la fiducia e infrange promesse, ridicolizzando invece chi ha avuto la forza di fidarsi e di amare. Jolanda ci ricorda che la vera dignità non risiede nell’assenza di errori, ma nella capacità di fidarsi e di sperare nonostante le delusioni.

La sofferenza delle altre persone non dovrebbe mai diventare motivo di scherno o intrattenimento. Jolanda, con il suo messaggio tanto limpido quanto impetuoso, ha spazzato via con coraggio le risate sguaiate e l’imbarazzo di chi guarda e ascolta. Ha dimostrato che anche i giovani, spesso sottovalutati dagli adulti, possono insegnare lezioni di vita importanti: rispetto, empatia e dignità.

Grazie, Jolanda, per averci ricordato che la sofferenza umana merita sempre rispetto e che, in un mondo spesso insensibile, le parole possono ancora avere un impatto potente e trasformativo.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie