IMDPPB-logo-def
Scrivici
Cerca
Close this search box.

Elena Ferraro

Elena, giovane imprenditrice di Montevago (AG), ha trovato il coraggio di denunciare un tentativo di estorsione da parte di Mario Messina Denaro, cugino del noto superlatitante Matteo Messina Denaro

Elena Ferraro

Elena, una giovane imprenditrice del settore sanitario a Montevago, in provincia di Agrigento, ha dimostrato un coraggio straordinario denunciando un tentativo di estorsione avvenuto nella sua clinica. L’uomo che cercò di estorcerle denaro era Mario Messina Denaro, cugino del famigerato superlatitante Matteo Messina Denaro, arrestato di recente.

La storia dell’imprenditrice è un esempio di come la determinazione e la fiducia nelle istituzioni possano sconfiggere il crimine organizzato. Nonostante la paura di possibili ritorsioni, Elena ha deciso di affrontare il problema di petto, dimostrando che il rispetto delle regole e la collaborazione con le autorità possono portare a risultati concreti.

Residente a meno di 30 chilometri da Castelvetrano,  ha denunciato l’estorsore, sapendo benissimo i rischi che correva. Castelvetrano è, infatti, il comune in cui la sua clinica fornisce servizi diagnostici ed è anche tristemente noto per essere il luogo d’origine della famiglia Messina Denaro.

Nei giorni dell’arresto del superlatitante Matteo Messina Denaro, Elena ha espresso pubblicamente la sua soddisfazione, affermando che “lo Stato ha vinto, perché lo Stato c’è e lo dimostra”. Le sue parole risuonano come un grido di speranza per tutti coloro che vivono sotto la minaccia della criminalità organizzata.

L’arresto di Matteo Messina Denaro ha rappresentato un’importante vittoria per le istituzioni italiane nella lotta contro la mafia. Ma il coraggio della giovane imprenditrice ha messo in luce un altro aspetto fondamentale: la partecipazione attiva dei cittadini è cruciale per combattere il crimine.

Grazie al suo atto di coraggio, è diventata un simbolo di onestà e fiducia nello Stato. La sua storia dimostra che è possibile sconfiggere la criminalità organizzata con determinazione e il supporto delle istituzioni. La decisione di vivere sotto scorta è una conseguenza delle sue azioni, ma non ha fatto altro che rafforzare la sua determinazione a lottare contro la mafia.

Elena continua a gestire la sua clinica a Montevago, nonostante le difficoltà e le minacce. La sua storia è un esempio per tutti coloro che temono le ritorsioni mafiose. Con il suo gesto, ha mostrato che la paura può essere superata e che il bene può prevalere sul male.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie