IMDPPB-logo-def
Scrivici
Cerca
Close this search box.

Scandalo furti di carburante in Ama: dipendenti aggrediti per aver denunciato

Tre dipendenti Ama brutalmente aggrediti dopo aver denunciato il furto di carburante nell'azienda di raccolta rifiuti romana

Dipendenti AMA

Un’inchiesta scottante sta scuotendo l’azienda di raccolta rifiuti di Roma, Ama, con la rivelazione di un vasto scandalo di furti di carburante. Circa 300mila litri di gasolio sarebbero spariti dai depositi aziendali, mettendo sotto accusa oltre 2000 dipendenti. Finora, quattro di loro sono stati denunciati e licenziati.

Secondo le prime indagini, i dipendenti coinvolti riempivano i serbatoi dei mezzi aziendali presso i distributori interni per poi sottrarre la benzina e utilizzarla nelle proprie auto private. La mancanza di controlli adeguati e procedure fragili ha permesso che questa pratica continuasse indisturbata per un periodo considerevole, riflettendo un quadro di profonda immoralità.

L’aspetto più inquietante dell’intera vicenda è però la sorte di tre dipendenti che avevano avuto il coraggio di denunciare il furto. Questi dipendenti sono stati vittime di un violento raid punitivo, avvenuto all’alba, solo 72 ore dopo aver sporto denuncia. Gli aggressori, armati di oggetti di alluminio, li hanno brutalmente colpiti, insultandoli e sfregiandoli al viso.

Le autorità investigative ritengono che l’aggressione sia stata una vendetta orchestrata da chi è coinvolto nello scandalo. La brutalità dell’attacco è scioccante: i dipendenti sono stati presi a pugni e calci, e i loro volti sono stati deturpati con tagli profondi. Questo episodio dimostra il clima di intimidazione e violenza che può generarsi quando si cerca di contrastare la corruzione.

La società romana e tutti coloro che credono nella giustizia devono esprimere solidarietà e sostegno a questi lavoratori onesti. La loro azione coraggiosa non deve essere vana. Denunciare atti illeciti è un dovere civico che va tutelato e incoraggiato, non punito con la violenza.

Questo scandalo mette in luce la necessità di una riforma nei controlli interni delle aziende pubbliche e di una maggiore tutela per chi denuncia irregolarità. Le procedure devono essere rafforzate e le misure di sicurezza migliorate per prevenire simili episodi in futuro.

La comunità deve unirsi nel condannare con forza questi atti di violenza e nella richiesta di giustizia per le vittime. Le indagini devono proseguire senza sosta per individuare e punire tutti i responsabili, garantendo che episodi simili non si ripetano mai più.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie