IMDPPB-logo-def
Scrivici
Cerca
Close this search box.

Matilde Sorrentino

Matilde Sorrentino: il coraggio di una madre contro l'omertà e la criminalità

Matilde Sorrentino, 49 anni, di Torre Annunziata, viveva una vita semplice e fatta di sacrifici. Con due figli, Salvatore e Giuseppe, e un marito che percepiva una modesta pensione, Matilde contribuiva al bilancio familiare lavorando come donna delle pulizie in alcuni palazzi del quartiere. Nonostante le difficoltà economiche, la sua condotta era irreprensibile in un Rione dove spesso l’illegalità era vista come una via di fuga dalla povertà.

Nel 1997, la vita di Matilde cambiò drasticamente. Uno dei suoi figli, terrorizzato, le confidò di non voler più andare a scuola perché subiva maltrattamenti. Determinata a capire cosa stesse accadendo, Matilde iniziò a fare domande e scoprì che altri bambini della scuola elementare del Rione dei Poverelli avevano vissuto esperienze simili. Di fronte all’omertà del quartiere e all’indifferenza iniziale delle autorità, Matilde non si arrese e continuò a insistere per ottenere giustizia.

Grazie alla sua determinazione, la verità emerse: una rete di pedofili, legata alla criminalità organizzata, abusava dei bambini in un garage dove venivano incatenati. Le sue denunce portarono all’arresto di 21 persone. Tuttavia, due degli accusati furono rilasciati dopo solo due settimane e successivamente uccisi, evidenziando l’ombra della camorra su tutta la vicenda.

Matilde continuò a testimoniare coraggiosamente durante tutte le fasi del processo, sperando di chiudere definitivamente quella terribile pagina di abusi. Nonostante le minacce, non si lasciò intimidire.

Il 26 marzo 2004, sette anni dopo aver denunciato gli abusi, Matilde fu assassinata nella sua casa. Un uomo bussò alla porta e le sparò al volto e al petto, uccidendola sul colpo. La criminalità organizzata di Torre Annunziata non aveva dimenticato il suo coraggio.

Matilde ha pagato con la vita, ma il suo coraggio continua a vivere nei cuori di tutte le persone perbene che lottano ogni giorno per la giustizia. Grazie, Matilde, grande donna.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Altre notizie